Per la prima volta una reporter sudcoreana indossa gli occhiali in TV, in netta rottura con i folli standard di bellezza femminili del paese

Lim Hyeon-ju con gli occhiali

Lim Hyeon-ju con gli occhiali

Una anchorwoman sudcoreana ha sfidato le severe norme di bellezza femminile del paese, decidendo di abbandonare le lenti a contatto e le ciglia finte e di portare gli occhiali in onda.

Lim Hyeon-ju, che di solito si sveglia ogni giorno alle 2:40 per la sua trasmissione delle 6 del mattino, ha iniziato ad apparire il mese scorso sullo show mattutino della Munhwa Broadcasting Corporation (MBC) con un paio di occhiali neri e dorati dalla montatura rotonda.

I giornalisti maschi sudcoreani compaiono spesso in onda con gli occhiali, ma questa era la prima volta che una presentatrice di un’importante rete televisiva l’ha fatto, secondo l’agenzia di stampa coreana Yonhap.

Gli occhi di Lim erano così secchi e stanchi di indossare lenti a contatto e false ciglia ogni giorno da dover usare lacrime artificiali per inumidirli, rendendole difficile lavorare.

Così scrive Lim in un post di Instagram che ha raccolto centinaia di messaggi di supporto:

“Devo svegliarmi presto la mattina presto per il telegiornale mattutino, ma quando ho poco tempo per dormire e poco tempo per prepararmi, a volte voglio indossare gli occhiali. Sentivo che avrei potuto concentrarmi di più sulle notizie se avessi ridotto il tempo e la fatica. […]

“Gli spettatori si concentrano anche sul contenuto delle notizie, non solo sull’aspetto della giornalista“.

Lim ha aggiunto che “aveva bisogno di un po’ di coraggio” per portare gli occhiali in aria all’inizio, ma da allora è stata incoraggiata dai suoi mille messaggi di sostegno. Da allora porta regolarmente gli occhiali nelle sue trasmissioni.

Lim con gli occhiali

Le donne sudcoreane sono tenute a standard di bellezza notoriamente elevati – il paese ha il maggior numero di interventi di chirurgia estetica pro capite nel mondo, con quasi un milione di procedure ogni anno.

Non indossare un volto pieno di trucco al lavoro – indipendentemente dal settore – può anche essere considerato non professionale in alcuni uffici sudcoreani, riferisce Quartz.

Un recente sondaggio ha inoltre rilevato che più della metà dei 552 lavoratori sudcoreani intervistati ha dichiarato di non aver mai visto una collega con gli occhiali prima d’ora – nonostante il 70% della popolazione della Corea del Sud sotto i 30 anni sia miope.

Inoltre, poiché gli annunci di lavoro della Corea del Sud richiedono in genere fotografie, oltre a richiedere l’altezza e il peso dei candidati, molte candidate hanno detto di sentirsi spinte ad apparire attraenti.

Un’indagine del 2016 condotta da un portale nazionale del lavoro ha rilevato che oltre il 60% del personale delle risorse umane ha riscontrato che l’aspetto di un candidato influisce sulle sue possibilità di ottenere lavoro.

Una donna sudcoreana su tre tra i 19 e i 29 anni ha già subito un intervento di chirurgia estetica, come riporta Gallup Korea 2015.

La procedura più popolare è l’intervento chirurgico del ”doppio occhio”, che crea pieghe nelle palpebre rendendo gli occhi più grandi. Un’altra operazione popolare è la “chirurgia del sorriso”, che fa sembrare che la persona abbia sempre la bocca leggermente rovesciata.

via Business Insider

2018-11-29T22:57:25+00:00

Leave A Comment