Us & Them: Korean Indie Rock in a K-Pop World

 

15 dicembre Us & Them Poster

 

In occasione di Corea Day del 15 dicembre, presentiamo il documentario “Us & Them: Korean Indie Rock in a K-Pop World”.

 

Titolo coreano: 그들과 우리; K-POP 속의 한국 인디 음악

Diretto da Timothy Tangherlini & Stephen Epstein

2014, 40 minuti

 

In un periodo in cui il K-Pop domina le radio, i musicisti indie coreani stanno facendo musica che si allontana il più possibile da questo modello mainstream. Bands come Crying Nut e The Geeks stanno ripensando i confini del punk rock, mentre gruppi come ….Whatever that Means and The RockTigers stanno contaminando con le loro radici coreane forme diverse quali il garage e psychobilly. Questo documentario vi porterà in viaggio nel quartiere di Hongdae di Seoul e in alcuni dei club underground che sfidano l’egemonia del K-Pop, oltre a seguire anche diverse band che si imbarcano in un tour degli Stati Uniti. Girato fra la Corea e gli USA, il documentario è il sequel del precedente “Our Nation: A Korean Punk Rock Community“.

 

 https://youtu.be/YJ0JsyTo7kk

 

Sinossi

La diffusione della musica pop sudcoreana, o K-pop, è un fenomeno globale impressionante. Nel 2012 il video virale di PSY “Gangnam Style” è diventato il video più visto su YouTube di sempre, generando oltre un miliardo di visite e centinaia di imitazioni. Ma la musica coreana non è solo gruppi idols e video virali. C’è anche una vivace scena indie e punk nata negli ultimi due decenni. Completamente non documentata, questa scena nascosta è un crogiolo di creatività, fornendo un eccitante contrappunto all’egemonia di un K-Pop blando e basato sul denaro.

 

Us and Them: Korean Indie Rock in a K-pop World” porta gli spettatori in un intrigante viaggio che inizia nei club del quartiere Hongdae di Seoul, ground zero per la scena musicale indipendente coreana. In questa parte della città, una volta meno conosciuta rispetto a oggi, le band underground hanno sfidato la musica pop coreana mainstream e hanno cercato di liberarsi dal suo stampo “corporate” da diversi decenni. Ma, come spesso accade, la scena è diventata vittima del suo stesso successo: la cultura mainstream ha iniziato a spingere da tutti i lati, con mega speculatori edilizi che hanno strappato questo angolo creativo di Seoul proprio agli artisti che lo rendono cool. Una volta sede di sottoculture non convenzionali, Hongdae è stata invasa dal benessere “hipster“. Ma le band che considerano ancora Hongdae come loro casa hanno lottato con quello che sanno fare meglio: fare nuova musica e trasformare l’interesse globale per la musica coreana a loro vantaggio. Il documentario segue diverse fra le indie bands coreane più conosciute mentre navigano in questo campo culturale minato. Una forza trainante è il desiderio delle band di portare la loro musica al pubblico oltre i confini coreani e di entrare a far parte di un movimento indie globale. I riflettori del documentario sono puntati soprattutto su Crying Nut, gli accattivanti padrini del rock underground coreano, l’elegante RockTigers, la band rockabilly di maggior successo della Corea, e ....Whatever That Means, una band punk melodica guidata dalla bassista coreana Trash e dal marito chitarrista americano Jeff Moses. I sogni e le frustrazioni di ognuno di questi gruppi vengono alla ribalta mentre progettano e intraprendono il loro primo tour negli Stati Uniti.

 

 

Il film si apre con i Crying Nut che parlano dell’industria K-pop e della loro ambivalenza nei confronti di questo giocoliere musicale globale. La band, non privi di una certa strana ammirazione, considera il divario creativo che esiste tra la scena indie e la macchina musicale corporate del K-pop. Il film torna indietro per tracciare una rapida storia della musica indie coreana. Nei suoi primi anni, la scena era incentrata su una manciata di club a Hongdae, ma nel corso dell’ultimo decennio, Hongdae è cambiata drasticamente. Un tempo un’area che rappresentava una vera sfida per il mainstream, l’Hongdae stesso è diventato parte del mainstream. A complicare ulteriormente il quadro, la scena indie non è più unita come una volta: gruppi hardcore, hip hop, heavy metal, techno, thrash, ska e shoegazer competono per lo spazio e il pubblico, mentre i gusti individuali diventano sempre più particolari. Eppure a palpitare sotto questa disunione, come una linea di basso amplificata mille volte, è una realizzazione crescente tra i musicisti indie che, per rimanere indipendenti, hanno bisogno del sostegno reciproco.

 

https://youtu.be/58HWS4k4yac

 


Anche se molta dell’energia che anima la scena indie coreana è arrivata in opposizione al K-pop, interessanti contraddizioni stanno sorgendo. Crying Nut, per esempio, formatosi a metà degli anni ’90, è diventato il gruppo indie più popolare che la Corea abbia mai prodotto. La band si esibisce regolarmente in eventi aziendali e festival all’aperto suonando davanti a decine di migliaia di fan. E così la band comincia a porsi l’antica domanda della musica indie in tutto il mondo: come si può rimanere indipendenti mentre si cerca di guadagnarsi da vivere? Rompere i confini viene naturale nella scena indie coreana e, naturalmente, alcuni dei confini più grandi sono i confini nazionali e le barriere linguistiche. Proprio come i gruppi K-pop sponsorizzati dalle multinazionali hanno scoperto il modo di infrangere questi confini, anche i gruppi dell’underground coreano si sono resi conto di potercela fare.

Su scala più piccola, ma con lo stesso successo, i gruppi indie coreani sono diventati cosmopoliti e abili nell’utilizzo di risorse – Internet, social media, promotori di concerti con tanto di MBA – per superare le barriere del paese e della lingua.

Sempre di più, queste band stanno diventando parte di una scena indie globale e sono in tour all’estero. Questi tour, alimentati dalla portata internazionale dei social media e dal desiderio globale degli appassionati di musica indie di scoprire band sconosciute, sono un leitmotiv in tutto il film, e comprendono i tour americani di RockTigers, Crying Nut e ….Whatever that means del 2011. Come sono state accolte queste band? Il pubblico internazionale può immaginare una musica coreana che non sia K-pop? E come vivono queste band in America?

 

 

Le band indie coreane non stanno solo cercando di raggiungere il mondo, ma anche di farlo proprio, sviluppando il proprio stile influenzato dalle correnti internazionali. I RockTigers, per esempio, ispirati dai leggendari psychobilly giapponese Guitar Wolf, hanno contaminato con le loro radici coreane il genre rockabilly, ironicamente rinominato  kimchibilly”. L’interazione tra la scena coreana e altre scene straniere complica la nozione di ciò che costituisce una scena locale. Jeff Moses e Trash sono le forze trainanti dietro la prima compilation di punk band coreane degli ultimi anni, intitolata ”Them and Us” appunto. La compilation ha chiesto alle band di suonare una loro canzone originale e una cover di una delle loro maggiori influenze. I The Geeks, la band hardcore più famosa della Corea, per esempio, hanno scelto di coprire “Knowledge” degli Operation Ivy. E così ci si deve chiedere: se una figura chiave del punk rock coreano è ora un americano, ci si potrebbe chiedere chi sono “noi” e chi sono “loro”?

Questo irresistibile ritratto della scena indie coreana offre spunti di riflessione su una società che è nel bel mezzo di un vertiginoso cambiamento. Girato in Corea e negli Stati Uniti, il documentario è il seguito di Our Nation dei co-produttori Epstein e Tangherlini: “A Korean Punk Rock Community”. Il film è narrato dal noto musicista coreano-americano Mike Park, front-man di Skankin’ Pickle and the B. Lee Band e fondatore dell’etichetta indipendente Asian Man Records.

 

 

 

2019-12-04T21:55:18+00:00